Comune di Ravenna | Istituzione Istruzione e Infanzia

Salta ai contenuti
Comune di Ravenna | Istituzione Istruzione e Infanzia
 
Sei in: Home ›› Notizie ›› Obblighi vaccinali - indicazioni operative per la frequenza al nido ed alla scuola dell'infanzia comunale - AGGIORNAMENTO

Obblighi vaccinali - indicazioni operative per la frequenza al nido ed alla scuola dell'infanzia comunale - AGGIORNAMENTO

Anno scolastico 2018/2019

L’art. 18-ter, comma 1, del D.L. 16 ottobre 2017 n. 148, convertito con modificazioni dalla Legge 4 dicembre 2017 n. 172, ha consentito di anticipare all’anno scolastico 2018/2019 l’applicazione della procedura semplificata delineata dall’art. 3-bis del D.L. 7 giugno 2017 n. 73, convertito con modificazioni dalla Legge 31 luglio 2017, n. 119, nelle regioni presso le quali è istituita l’anagrafe vaccinale, nel rispetto delle modalità operative congiuntamente definite dal Ministero della Salute e dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca nr. 467 del 27/02/2018 prot. nr. 0002166-P, sentito il Garante per la protezione dei dati personali. La Regione Emilia Romagna con nota del 09/03/2018 pg. 169081 ha comunicato la decisione di avvalersi della procedura semplificata per l’a.s. 2018/2019.

Pertanto, il rispetto degli obblighi vaccinali per il prossimo a.s. 2018/2019 è accertato dal Servizio Nidi e Scuole dell'infanzia, attraverso lo scambio di elenchi degli iscritti ai nidi ed alle scuole dell'infanzia comunali, con l'Azienda USL della Romagna.

L’Azienda sanitaria locale restituisce i predetti elenchi indicando le situazioni di non regolarità con gli obblighi vaccinali. I genitori/tutori/affidatari dei minori indicati come non in regola con gli obblighi vaccinali sono invitati a depositare, presso il Servizio idonea documentazione a dimostrazione della regolarità della posizione vaccinale, od in alternativa, dichiarazione sostitutiva, come recentemente previsto dalla nuova circolare interministeriale 0020546-06/07/2018. Sulle dichiarazioni sostitutive il Servizio effettua le verifiche ai sensi del DPR 445/2000.

La Regione Emilia Romagna, con Delibera n.1391 del 27/08/2018, ha fornito ulteriori indicazioni operative relative agli obblighi vaccinali per l'a.s. 2018/2019 alla luce della nota a firma congiunta Miur e Ministero della Salute 0020546-06/07/2018, definendo le condizioni di ammissione alla frequenza dei servizi educativi (0-3 anni) e delle scuole dell'infanzia (3-6 anni) della Regione Emilia Romagna, dei minori risultanti "non in regola con gli obblighi vaccinali" a seguito dello scambio degli elenchi con le Aziende Usl i cui genitori si sono avvalsi della facoltà di presentare una dichiarazione sostitutiva, come sopra indicato. Nello specifico sono definite le seguenti modalità:

a) presentazione del certificato che comprovi la avvenuta vaccinazione: in tale ambito possono fare fede anche i ritorni informativi positivi inviati dalle Aziende USL ai Servizi Educativi e alle Scuole per l’Infanzia che abbiano provveduto a trasmettere alle stesse gli elenchi dei minori i cui genitori esercenti la responsabilità genitoriale, i tutori o i soggetti affidatari avevano prodotto dichiarazione sostitutiva di avvenuta vaccinazione;
b) presentazione della prenotazione per le vaccinazioni non ancora eseguite che fissi un appuntamento per una data successiva a quella di avvio della frequenza;
c) per i casi di presentazione di un appuntamento con data precedente all’inizio della frequenza, l’ammissione alla frequenza deve essere sospesa fino alla data di presentazione del certificato di avvenuta vaccinazione;
d) per i casi di cui al punto b) l’ammissione alla frequenza può avvenire fino alla data dell’appuntamento fissato e può continuare solo a fronte della presentazione, dal primo giorno di frequenza successivo alla data di appuntamento del certificato di avvenuta vaccinazione. In caso contrario la frequenza deve essere sospesa fino alla presentazione del certificato di avvenuta vaccinazione;
e) i minori per i quali la frequenza viene sospesa possono mantenere l'iscrizione; per quanto attiene al pagamento delle relative rette, valgono le determinazioni assunte dai singoli enti gestori, anche tenuto conto di quanto previsto dai Regolamenti Comunali in materia.

Il Servizio Nidi e Scuole dell'Infanzia sta procedendo con le azioni necessarie per l'accertamento del rispetto degli obblighi vaccinali dei bambini iscritti e frequentanti i servizi educativi e le scuole dell'infanzia comunali.